EMDR

chuttersnap-425092-unsplash
Photo by chuttersnap on Unsplash

La sigla EMDR viene dall’inglese Eye Movement Desensitization and Reprocessing, ossia Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari. Il movimento degli occhi (o altra stimolazione bilaterale alternata) viene infatti utilizzato per attivare alternativamente i due emisferi cerebrali, come accade nel sonno REM, la fase del sonno in cui sogniamo: la sigla REM sta proprio per Rapid Eye Movement, rapidi movimenti oculari.

L’EMDR è un metodo psicoterapico strutturato che facilita il trattamento di diverse psicopatologie legate ai traumi: sia a quelli “con la T maiuscola”, ossia eventi legati alla morte, o al pericolo di morte, proprio o di una persona cara, sia a quelli “con la t minuscola”.

Su questo secondo tipo di trauma è necessario fare un po’ di chiarezza, in quanto la parola “trauma” viene spesso utilizzata a sproposito. A volte con eccessiva facilità (per esempio si cerca di tutelare i bambini da qualsiasi esperienza che potrebbe implicare un fallimento perché potrebbe “traumatizzarli”), altre volte invece si minimizzano esperienze realmente molto disturbanti, liquidandole come eventi che bene o male capitano a tutti (per esempio bullismo a scuola, mobbing sul lavoro).

La terapia EMDR ha come base teorica il modello AIP (Adaptive Information Processing, elaborazione adattativa dell’informazione), che afferma che i ricordi non elaborati possono dare origine a molte disfunzioni. Non pensare ad alcune esperienze è un meccanismo di difesa certamente utile sul breve periodo, ma che spesso cede non appena accade qualcosa che ci riporta con la mente a quel ricordo che pensavamo sepolto definitivamente.

Attraverso l’EMDR il ricordo viene rievocato in un contesto protetto e guidato, quello della psicoterapia, e la persona può affrontarlo, rielaborarlo, e superarlo: il che non vuol dire dimenticarlo, bensì essere capaci di “lasciare il passato nel passato”, come recita il titolo del primo libro di Francine Shapiro, inventrice della tecnica.

Annunci

Il blog della psicologa

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: