Archivi tag: malattia

Lizzie Velasquez: “VOI, come vi definte?”

Chi di voi ancora non conosce Lizzie Velasquez? Crudelmente definita “la donna più brutta del mondo”, Lizzie è in realtà malata di una rarissima sindrome (da cui sono affette solo 3 persone al mondo) che le impedisce di ingrassare. Oggi ha 23 anni, e il suo peso non ha mai superato i 29 kg. Inoltre, è cieca da un occhio.

A questo punto si potrebbe immaginare che sia una persona molto infelice, e invece non è così!
Nella sua vita ha passato periodi molto bui. Come quando, il primo giorno d’asilo, si trovò a interagire con bambini che la guardavano come un mostro, mentre lei fino ad allora si era considerata normale. O come quando, teenager, trovò su YouTube il video in cui veniva definita “la donna più brutta del mondo”, con quattro milioni di visualizzazioni e migliaia di commenti sprezzanti, uno dei quali la incitava addirittura al suicidio.
Ma oggi Lizzie – che non si è abbattuta grazie al sostegno incondizionato della sua famiglia – è una motivational speaker, che aiuta gli altri ad accettarsi, a stimarsi, a capire chi si è e dove si vuole andare.
Basti pensare che, alla sua nascita, i medici dissero ai suoi genitori che probabilmente non sarebbe mai stata in grado di parlare, né di camminare, mentre lei ha addirittura frequentato l’università!

Questo è un suo discorso, tenuto alla Conferenza TEDxAustinWomen. Il video sta facendo il giro del mondo, e qui c’è una versione sottotitolata in italiano:

 

Lizzie si è chiesta: “Lascerò che sia chi mi chiama mostro, a definirmi, chi mi dice di uccidermi? No, saranno i miei successi, le mie soddisfazioni, e non il mio aspetto, o la mia sindrome”. E a sua volta chiede al suo pubblico: Voi, come vi definite?”

Lizzie ha anche scritto due libri, per ora disponibili in inglese e spagnolo. Il terzo è in preparazione.

Questo è il suo sito web.

Tenere un diario: un toccasana per mente e corpo

Un articolo del Time, ripreso da Wired Italia, riporta una notizia molto interessante: tenere un diario è un toccasana per la mente e il corpo. Prendere carta e penna per dare sfogo ai propri pensieri e sentimenti aiuta anche la guarigione della pelle lesa, dimezzando addirittura i tempi di guarigione.

Lo studio è stato condotto all’Università di Auckland, (Nuova Zelanda), da un gruppo di ricerca guidato dalla dott.ssa Elizabeth Broadbent.

La ricerca ha visto protagoniste 49 persone anziane, in salute, tra i 64 e i 97 anni. In questa fascia d’età la rimarginazione della pelle è particolarmente delicata e lenta. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi: il primo ha dedicato 20 minuti al giorno alla descrizione dell’evento più traumatico della propria vita, in modo aperto e sincero, esprimendo, se possibile, emozioni e pensieri dei quali non avevano mai fatto parola con nessuno.
All’altro gruppo di partecipanti invece è stato chiesto di scrivere semplicemente i loro piani per il giorno dopo, senza menzionare i propri stati d’animo, sempre per 20 minuti al giorno. 

Continua a leggere Tenere un diario: un toccasana per mente e corpo

La malattia ha le sue buone ragioni, ma si potrebbe farle cambiare idea

Venerdì 23 marzo 2012
alle ore 18.00

la libreria LegoLibri
Via Maria Vittoria 31, Torino

ospita la presentazione del libro
“La malattia ha le sue buone ragioni, ma si potrebbe farle cambiare idea”.

Un viaggio alle radici della sofferenza fisica e psichica, alla ricerca del modo per invitarla a fare qualcosa di costruttivo.

Sarà presente l’autore Mario Frusi. Laureato in Medicina, da 20 anni si dedica prevalentemente alle cosiddette “medicine complementari”, e così descrive il libro: “È il riassunto divulgato del mio lavoro, scritto affinché si comprenda che la possibilità (ahimé, non la certezza) di una reale guarigione esiste davvero, e che non c’è una sola scienza medica detentrice del potere assoluto ma una miriade di approcci, il cui concorso può portare a traguardi a volte inimmaginabili.

 

(Photo by Jonas Jacobsson on Unsplash)

Chi ha paura della paura?

La paura della violenza, di prendere decisioni, di invecchiare, di diventare madre, di perdere una persona amata, persino la paura di avere paura. “Chi ha paura della paura?” è il tema del Festival della Cultura Psicologica organizzato dall’Ordine degli Psicologi della Lombardia. Dal 20 Maggio al 2 Giugno psicologi, scrittori, medici, sportivi e artisti si confronteranno con il pubblico: consulti gratuiti, conferenze, e il ciclo di incontri su “Psicologia, cinema e adolescenza”.

I colloqui gratuiti con gli psicologi aderenti iscritti all’Ordine della Lombardia si svolgono presso i centri di Via Stampa 8 (accesso libero anche il sabato e la domenica) e di Viale Tunisia 29 (su prenotazione al numero 02-29013335 in orario di segreteria: lun-ven 9.30-13.00 – 14.00 17.30)

Di seguito il calendario delle conferenze, tutte a ingresso libero e gratuito.
Continua a leggere Chi ha paura della paura?